SEGUICI SU:

Comunicazioni

Vuoi ricevere Circolari e News ?

1

Inserisci nome utente e password

In alto a destra inizia dal tasto Login

2

Entra nella tua MyPage

Una volta entrato, seleziona Modifica Dati sempre in alto a destra e attiva il flag per la richiesta della newsletter.

01

feb

2018

News - IMPRENDITORE - MANAGER - OPERATORE

PROTOCOLLO D'INTESA PER DIFFONDERE LA SALUTE E LA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO

EVENTI, CONVEGNI E SEMINARI

Le 23 organizzazioni – tra cui Confindustria Bergamo – che danno vita all'Organo territoriale di coordinamento delle attività di prevenzione e vigilanza in materia di salute e sicurezza sul lavoro presieduto da Ats Bergamohanno firmato in Prefettura, alla presenza del Prefetto di Bergamo, Elisabetta Margiacchi, un protocollo d’intesa che ha l’obiettivo di favorire una collaborazione il più possibile integrata per diffondere la cultura della salute e della sicurezza sul lavoro anche grazie a una corretta formazione ed educazione. 

«La cultura della salute e della sicurezza si fonda su cinque fattori: l’informazione, la formazione, l’apprendimento organizzativo, l’analisi critica continua e l’impegno – ha detto Mara Azzi, direttore generale di Ats Bergamo – Una gestione adeguata di tutti gli aspetti di un’organizzazione professionale potrà concretamente ridurre la probabilità di un errore umano e dunque di un infortunio". "Grazie alla firma di questo protocollo viene ribadito che la sicurezza deve essere un tema di costante e comune attenzione - ha sottolineato Agostino Piccinali, vicepresidente di Confindustria Bergamo - Gli sforzi in questo ambito non devono mai venire meno. In azienda il responsabile per la sicurezza deve essere la prima persona che incontra il nuovo assunto. E' fondamentale, inoltre, lavorare per promuovere una formazione che sia sempre attrattiva e innovativa. Grande attenzione, infine, va data alla segnalazione e all'analisi degli incidenti mancati anche per stimolare la compartecipazione dei lavoratori".

I destinatari delle attività di promozione e formazione saranno le aziende pubbliche e private, le scuole e i soggetti e gli enti formatori del territorio bergamasco. L’intesa identificherà iniziative mirate e garantirà la continuità tra le diverse azioni di prevenzione, formazione ed educazione per ottimizzare le risorse, tenendo conto delle specifiche di ogni realtà professionale. Verranno, in particolare, avviati percorsi formativi sulla sicurezza del lavoro, sarà favorita la collaborazione con il mondo della scuola e dell’università con l'obiettivo di includere la cultura della salute e sicurezza nei luoghi di vita e di lavoro nei curricula delle scuole e saranno promossi strumenti di auto-diagnosi e accompagnamento in ogni realtà produttiva.

 

A cura dell'Area Comunicazione e Media Relations