SEGUICI SU:

Comunicazioni

Vuoi ricevere Circolari e News ?

1

Inserisci nome utente e password

In alto a destra inizia dal tasto Login

2

Entra nella tua MyPage

Una volta entrato, seleziona Modifica Dati sempre in alto a destra e attiva il flag per la richiesta della newsletter.

09

giu

2017

News - IMPRENDITORE - MANAGER - OPERATORE

PREMIATE LE AZIENDE CHE HANNO RAGGIUNTO I 50 ANNI DI VITA ASSOCIATIVA

EVENTI, CONVEGNI E SEMINARI

Tre aziende associate a Confindustria Bergamo da oltre 50 anni sono state premiate nel corso dell'Assemblea generale riservata agli associati. Si tratta di Aliancys Italia Srl, con stabilimento a Filago, Astra Vernici srl, con base operativa ad Azzano, e Milgem srl, con stabilimento a Brembate Sotto.
Aliancys Srl - consociata italiana dell’omonima multinazionale che opera sul mercato globale delle resine per il settore dei materiali compositi - è attiva da oltre 50 anni a Filago nella produzione chimica e nella R&D. Circa 80 i dipendenti. Il sito è il centro di eccellenza del gruppo per lo sviluppo e la produzione di additivi per fibre di vetro, commercializzati con il marchio Neoxil.
Astra Vernici®, azienda familiare con base operativa ad Azzano, dal 1951 si occupa di prodotti vernicianti per il legno. Nel corso degli ultimi anni, si è resa protagonista di un forte sviluppo alimentato sia dagli investimenti tecnologici sia dai continui aggiornamenti produttivi che hanno rafforzato la competitività aziendale anche sui mercati internazionali, dove matura il 60% del fatturato.
MILGEM, Industria di lavorazione di marmi e graniti, è stata fondata a Milano, nel 1955, come derivazione dell’impresa di famiglia, la Maddalena Marmi, già attiva dalla seconda metà del 1800. Negli anni, ha saputo fondere tradizione e passione per la pietra, partecipando alla costruzione di capolavori dell’Italia come l’Altare della Patria a Roma, piazza Duomo, la stazione Centrale e Piazza della Scala a Milano. La produzione è realizzata a Brembate Sotto, nello stabilimento di 12 mila mq. Scarica l'allegato pdf


A cura dell'Area Comunicazione e Media Relations

Scopri di più sulla pagina facebook